16 dicembre 2017

Comfort e città: MCE 2018 riparte dal green

24 novembre, 2017 - 11:15
A cura di: 
Mariagrazia Micucci

Ospitata nella Greenhouse di Unicredit, nel cuore della nuova Milano ecosostenibile, la conferenza di presentazione di Mostra Convegno Expocomfort  ha voluto da subito dare un segnale forte di radicamento alla città e al territorio e di rispetto per le tematiche ambientali.

L’attenzione al territorio non solo lombardo è del resto una buona pratica che ha visto negli anni dispari (in cui non è in programma la fiera biennale) l’articolarsi di un Road Show di eventi preparatori in varie città italiane.
L’ambizione di questa edizione aggiunge un elemento in più: MCE vuole uscire dai limiti  della sua superficie espositiva confinata agli addetti ai lavori per presentarsi al grande pubblico con “MCE in città” (10-18 marzo 2018) vetrina e piattaforma di lancio di MCE pensata in sinergia con il nuovo format di “Percorso Efficienza & Innovazione” che avrà ambito prettamente fieristico.

La stretta connessione con il territorio viene evidenziata dall’intervento dell’Assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano Marco Granelli: l’efficienza energetica è ancora da implementare in tanti contesti abitativi e nei mezzi di trasporto – ha detto – ma è nei programmi del Comune di breve e medio termine, come il progetto di adeguare totalmente il parco caldaie eliminando le caldaie a gasolio e promuovere la graduale ristrutturazione di tutte le abitazioni entro il 2030. Granelli parla di sfida, che richiede coraggio, risorse e consenso da parte dei cittadini. L’occasione di Mostra Convegno e di MCE in città a marzo sarà un’ottima base di partenza per far leva sulla necessità di coinvolgimento dei comuni cittadini perché Milano diventi nei prossimi anni più sostenibile e vivibile.

Massimiliano Pierini, Amministratore Delegato di Reed Exhibitions, ente organizzatore di Mce, ha illustrato le tematiche che faranno da filo conduttore ai 4 giorni di manifestazione.

Il percorso Efficienza e Innovazione rappresenta un punto di forza della manifestazione e supera i confini della fiera per diventare, grazie alla Guida preparata con il supporto del Politecnico di Milano, uno strumento didattico e informativo per istruire cittadini e studenti sulle nuove pratiche a tutela dell’ambiente.

A questa iniziativa si affiancheranno altre ambiziose iniziative: Mep BIM Forum (modello di progettazione fondato sull’integrazione delle tecnologie digitali con il building abitativo),  Factory4.0.Now (linea di produzione realizzata da un team di aziende che sperimenteranno dal vivo le fasi di produzione delle loro macchine secondo criteri smart), Labgrade (Sustainable International Competition, bando per il miglior progetto premiato da una giuria internazionale). L’attenzione ai mercati internazionali è da sempre obiettivo di MCE. Nel 2018 un focus particolare sarà rivolto all’India, Paese in forte evoluzione.

La meccanica ANIMA a MCE 2018
La Federazione ANIMA può a pieno titolo considerarsi partner storico di MCE, fin dai primi anni ’60 quando a Milano c’era ancora la Fiera Campionaria.

ANIMA e le sue associazioni Assotermica, Assoclima, Avr, Assopompe e Aqua Italia portano da sempre il loro contributo non solo in termini di rappresentatività dei loro soci, ma come parti attive e proattive nella promozione, l’informazione  e la formazione su nuove tecnologie sostenibili ed efficienti  presso stakeholder istituzionali e cittadini.

E la collocazione appropriata in MCE, per continuare e rafforzare queste attività che fanno parte del quotidiano, trova espressione in ANIMA Lounge, che nelle ultime edizioni ha riscosso grande successo. Come ha spiegato il Presidente di ANIMA Alberto Caprari, su una superficie espositiva di 400 metri quadri, si svolgeranno eventi e workshop tecnici, b2b fra operatori stranieri e aziende associate, incontri business e corsi formativi.

Il Presidente di Anima Alberto Caprari riferisce anche della situazione di mercato dell’idrotermosanitario rappresentato dai settori ANIMA, sulla base dei dati prodotti dall’Ufficio Studi. Si tratta di un trend di continua crescita nel 2017 sia nella produzione (+3,6%) sia nell’export (+1,2%),  che è attesa  proseguire nel 2018 (produzione +2,2% - export +2,9%). Sorprendente il dato sugli investimenti: +7,7% nel 2017, indice di grande vitalità e ripresa del settore.