16 dicembre 2017

Il Consiglio Ucif a casa di Trasmetal

5 ottobre, 2017 - 09:21
A cura di: 
Margherita Lippa

Un consiglio direttivo in ogni azienda associata. Proseguono gli appuntamenti itineranti di UCIF, l’unione costruttori impianti di finitura: lo scorso 27 settembre l’incontro è stato ospitato dalla milanese Trasmetal Srl.

Fondata nel 1953, Trasmetal ha realizzato in tutto il mondo centinaia di impianti di pretrattamento, verniciatura, essiccazione e smaltatura, grazie a un know-how e un’esperienza nella progettazione e costruzione di impianti "chiavi in mano", che la collocano tra le aziende più importanti del settore.

La competenza di Trasmetal nel campo della finitura delle superfici spazia dagli impianti per verniciatura a immersione, elettroforesi, autoforesi e che possono essere completati con l'applicazione di vernici liquide, oppure vernici in polvere, spruzzate sia con i dischi OFB (di brevetto Trasmetal), sia con pistole. All’esperienza sugli impianti di verniciatura si unisce anche la tecnologia relativa agli smalti ceramici a cui si sommano il pretrattamento, l'applicazione e i forni di fusione. 

Partecipando alla riunione, i dirigenti dell’azienda Nicola Navarra, amministratore delegato, il presidente Giovanni Giardini, e Dario Zucchetti, consigliere, hanno condiviso utili spunti per affrontare e approfondire tematiche importanti di interesse per gli associati. Il consiglio direttivo, infatti, è stata l’occasione per discutere dei progetti del 2018. In primis UCIF ha avviato con l’Ufficio Studi ANIMA i lavori per l’aggiornamento dell’Indagine di Settore sulla Finitura, pubblicazione che in questa versione proporrà non solo un aggiornamento dei dati ma anche dei capitolo su approfondimenti ad hoc. Inoltre l’associazione sta rivedendo i propri strumenti istituzionali di comunicazione: è prevista una nuova brochure e un depliant informativo. Altro ambito di interesse, al momento in fase di studio, è un piano di comunicazione per il 2018 che sia in grado di ampliare la divulgazione dell’indagine ma anche di rafforzare la conoscenza della finitura a tutti i livelli valorizzandone il contributo ai processi industriali più noti.