19 agosto 2019

Norma tecnica sull'acqua potabile

6 settembre, 2011 - 14:38

La fornitura di acqua potabile può essere messa a rischio da una serie di eventi critici, che vanno dalle catastrofi naturali al rischio di atti terroristici e di contaminazione. Per questa ragione devono essere implementati metodi e procedure di emergenza per le persone colpite.

Va in questa direzione la pubblicazione della norma UNI EN 15975-1:2011 "Sicurezza della fornitura di acqua potabile - Linee guida per la gestione del rischio e degli eventi critici - Parte 1: Gestione degli eventi critici", che specifica i principi di buona pratica della gestione della fornitura di acqua potabile in caso di eventi critici, incluse le misure preparatorie e conseguenti.

Con il termine "crisi" la norma definisce un evento o una situazione che potrebbe potenzialmente colpire in modo grave la fornitura dell'acqua potabile, necessitando di altre strutture organizzative e di altri mezzi operativi per rispondere all'emergenza.

La UNI EN 15975-1 riporta anche un esempio di struttura di cooperazione tra distributore dell'acqua e pubblica amministrazione (che evidenzia ruoli, responsabilità e collegamenti operativi), indicazioni per lo svolgimento di attività gestionali, compresa l'analisi successiva dell'evento per individuare eventuali carenze e migliorare la capacità di intervento, le modalità di comunicazione con l'esterno, in particolare con la popolazione colpita. Completano il documento due appendici informative sull'allestimento e l'organizzazione di una "sala di crisi" e indicazioni sui profili di qualificazione del personale.

Elaborata dal gruppo di lavoro 15 "Security of drinking water" del CEN/TC 164 "Water supply", la norma è stata recepita a livello nazionale dalla commissione Prodotti, processi e sistemi per l'organismo edilizio.