16 luglio 2019

Saldature più sicure con MultiStrike

28 febbraio, 2017 - 17:44

Gli elettrodi al tungsteno vengono utilizzati con la saldatura ad arco voltaico con il processo TIG (tungsten inert gas) o con la saldatura al plasma.

Dopo aver toccato il bagno di saldatura fuso o l’asta del riempitore al tungsteno, è necessario rettificare gli elettrodi di tungsteno, che non solo è una perdita di tempo, ma può anche essere pericoloso per la salute.

Considerando sia la performance che il rischio per la salute rappresentato dagli elettrodi di tungsteno toriato, gli elettrodi al tungsteno Multistrike, disponibili in Italia da Salteco non solo offrono un aumento delle prestazioni, ma riducono anche il rischio per la salute.

Un cliente di New York, ha detto: "Realizziamo raccordi farmaceutici di piccole dimensioni che impiegano una saldatura manuale TIG e produciamo giunti per tubi usando la saldatura orbitale automatizzata. In entrambe le applicazioni abbiamo osservato un miglioramento da 4 a 5 volte nella ri-rettifica dopo aver sostituito il tungsteno toriato con gli elettrodi al tungsteno MultiStrike”.

Gli altri elettrodi al tungsteno funzionano a temperature più elevate cosicchè, i loro complementi di ossido, per lo più radioattivi, bruciano o evaporano molto più velocemente degli elementi non radioattivi presenti in MultiStrike, tanto che  questi ultimi hanno una capacità d’innesco almeno 10 volte superiore agli altri elettrodi al tungsteno testati nelle medesime condizioni.

Con la maggior parte degli elettrodi di tungsteno ancora in uso, contenenti il 2% di ossido di torio radioattivo e cancerogeno, MultiStrike fornisce al saldatore TIG e a quello al plasma un’alternativa sicura e superiore.