Alimenti e materiali, tutto quello che c'è da sapere

Responsabilità, obblighi e sanzioni per costruttori, importatori, distributori e utilizzatori professionali di apparecchiature a contatto con alimenti, il 15 maggio in sede ANIMA l'evento organizzato da Tifq.

14 mag 2013

Informare le imprese coinvolte nella filiera tecnologica alimentare sugli obblighi e sulle responsabilità che competono a ciascun ruolo aziendale e sulle concrete applicazioni dei requisiti normativi ai propri prodotti e sistemi di produzione, prestando particolare attenzione al ruolo rivestito dai fornitori all'interno della catena produttiva.

Questo lo scopo della giornata tecnica in programma il 15 maggio prossimo (in sede ANIMA) dal titolo "Responsabilità, obblighi e sanzioni per costruttori, importatori, distributori e utilizzatori professionali di apparecchiature a contatto con alimenti" promossa dall'Istituto TIFQ in  collaborazione con ANIMA (Federazione delle Associazioni Nazionali dell'Industria Meccanica) e Reed Business Italia (content company multinazionale attiva nella divulgazione della conoscenza tecnica e specialistica).

L'importanza di rivolgersi ad aziende consapevoli è fondamentale: permette, infatti, non solo di ridurre notevolmente i rischi ma anche di garantire un agile e immediato dialogo tra le parti, raggiungendo efficacemente l'obiettivo comune della conformità normativa.

Si parlerà delle concrete applicazioni del Regolamento 1935/2004 EU. Ma anche di metodi e verifiche di laboratorio per dimostrare l'idoneità dei materiali, di importazione di macchinari a contatto con alimenti (con un focus sulla legislazione dedicata all'import extra CEE), e di sicurezza igienica in fase di progettazione e costruzione.

 

Seguiranno approfondimenti su L'Industria Meccanica.

Alimentare, Industria varia, Industria, TIFQ