Andrea Barazzoni nuovo Presidente Fiac

ab1L'elezione è avvenuta in occasione del Macef di Milano, fiera di riferimento per il comparto dei casalinghi. Il neopresidente resterà in carica fino al 2014. Per il comparto segnali positivi nel 2012, con produzione ed export in ripresa.

12 set 2012

In occasione di Macef, Salone internazionale della casa, l'Assemblea dell'associazione fabbricanti articoli casalinghi Fiac, federata ANIMA, ha eletto all'unanimità come nuovo presidente per il biennio 2012-2014 Andrea Barazzoni (foto a sinistra), Amministratore Delegato della Barazzoni SpA.

"Passo il testimone a un imprenditore eccellente, espressione di un'azienda interprete del Made in Italy in tutto il mondo - ha salutato la nomina il Presidente uscente, Virgilio Bugatti -.  Barazzoni è  la persona giusta al momento giusto."

Nel corso del suo intervento all'Assemblea, Barazzoni ha indicato le linee guida del mandato:  "Tutelare i nostri diritti vorrei fosse la nostra parola d'ordine - ha dichiarato in apertura -. Stiamo perdendo la centralità delle aziende italiane del casalingo a scapito di competitor agguerriti e dinamici".  "Regole certe e per tutti è il secondo punto cui l'associazione si dedicherà per sviluppare il proprio programma di attività - ha aggiunto -. Occorre rendere edotte le aziende del settore dell'importanza e del valore di essere protagonisti attivi di un'associazione che rappresenta l'industria italiana ai massimi livelli in tutto il mondo". Secondo il neopresidente: "Sappiamo produrre e bene e per tanti anni il casalingo italiano è stata una realtà importante. Abbiamo tutte le carte in regola per esserlo ancora. Abbiamo capacità, visione imprenditoriale e aziende che realizzano prodotti di alto livello. Il successo di Macef degli scorsi decenni ne è la prova. Dobbiamo e possiamo costruire nuove sinergie con le manifestazioni fieristiche che meglio ci rappresentano".

Sei i dati di consuntivo 2011 registrano una flessione rispetto al 2010 sia della produzione (-8,4%),  che dell''export (-0,4%), le previsioni per l'anno in corso mostrano invece un segno positivo. La produzione dovrebbe chiudere il 2012 con un incremento dell'8,9% e per esportazioni si attende una crescita del +5,5%. Gli investimenti, dopo il +1,1% messo a segno l'anno scorso, dovrebbero confermare un  leggero incremento anche quest'anno (+0,9%), indice di una necessità perenne di innovare da parte delle imprese. Prosegue, invece, il momento di grave difficoltà per l'occupazione, calata nel 2011 del -2,6% e che solo in piccola parte recupererà nel corso del 2012 (+0,3%).

FIAC - Associazione fabbricanti italiani articoli casalinghi - rappresenta un settore che occupa 3800 addetti per un giro d'affari di 770 milioni di euro, il 70% generato all'estero. L'associazione si articola in sei categorie merceologiche: posateria, coltelleria, pentolame, vasellame, caffettiere e articoli da regalo per la casa.

Alimentare, Poltrone, Fiac, Andrea Barazzoni