Catena serie RX igus

Test di laboratorio  per cavi movimentati dimostrano un'ottima tenuta ai trucioli. Prove effettuate entro un arco di tempo definito con 100.000 cicli con l'aggiunta di trucioli metallici di varie dimensioni.

21 nov 2013

La catena portacavi chiusa in materiale plastico RX della igus resiste alla penetrazione di trucioli in condizioni molto impegnative. A dimostrarlo sono prove specifiche effettuate entro un arco di tempo definito con 100.000 cicli con l'aggiunta di trucioli metallici di varie dimensioni.
Quando si tratta di proteggere cavi in movimento nello spazio di lavoro di tornitrici, fresatrici e segatrici, le catene portacavi devono essere a tenuta di trucioli e al tempo stesso in grado di guidare i cavi senza usurarli. A questo scopo igus nel 1987 aveva già sviluppato la sua prima catena portacavi chiusa, ma apribile, in materiale plastico, la serie R68. L'ultimissima catena portacavi chiusa, la RX, offre ora una protezione integrale da trucioli di ogni dimensione.

Per poter fare delle affermazioni sulla tenuta di catene portacavi chiuse, le si deve sottoporre ad un ampio programma di test. Un'indicazione in questo senso è data dalle classificazioni IP. Oltre alle prove richieste da tali classificazioni, igus sottopone da oltre dieci anni le catene portacavi chiuse anche ad una nutrita serie di test nel laboratorio specializzato gestito dall'azienda nella sede centrale di Colonia.

Il vantaggio dei test igus è dato dal fatto che i cicli di prova vengono effettuati in condizioni ambientali reali. Per poter fare affermazioni attendibili sull'effettiva tenuta di una catena portachiavi chiusa è infatti necessario simulare esattamente la sua applicazione nella situazione operativa reale.

Per questo motivo igus ha sviluppato un processo di test standardizzato che prevede la movimentazione delle catene portacavi chiuse per 100.000 cicli. Al termine dei cicli si controlla quanti grammi di trucioli sono riusciti a penetrare all'interno della catena. Ebbene: dopo 100.000 cicli sotto "bombardamento" di 1.000 grammi di trucioli, nella catena RX sono stati trovati solo 0,23 g, ossia lo 0,023 % del totale.

Il motivo dei migliori risultati ottenuti dalla catena chiusa RX è il profilo arrotondato. Scontrandosi con il profilo esterno liscio e bombato della catena, i trucioli non riescono ad aderirvi e scivolano a terra. Anche in questo senso, la catena RX, grazie ai suoi contorni particolarmente lisci e a tolleranze di produzione particolarmente restrittive, offre la migliore protezione e nei test neanche un truciolo è riuscito a penetrare nei meccanismi di raggiatura.

Industria varia, Tecnologie & Prodotti, Igus