CoAer, "Mantenere il 55%"

Co.Aer, Associazione Costruttori apparecchiature ed impianti per la climatizzazione e pompe di calore, federata ad ANIMA, richiama l'attenzione del Governo e delle Autorità sulla grave esclusione dall'incentivazione del 55% delle pompe di calore.

27 mag 2013

Co.Aer, Associazione Costruttori apparecchiature ed impianti per la climatizzazione e pompe di calore, federata ad ANIMA, richiama l'attenzione del Governo e delle Autorità sulla grave esclusione dall'incentivazione del 55% delle pompe di calore.

Tali tecnologie al momento attuale rischiano di rimanere senza alcun incentivo fiscale in assenza di un conto energia termico attivo e di nuove tariffazioni.

"Non abbiamo alcuna garanzia che il conto energia termico possa supportare il manifatturiero italiano delle pompe di calore – dichiara Bruno Bellò (foto Redazione), Presidente Co.Aer – Rischiamo un "effetto esodati" anche per le nostre tecnologie più efficienti e innovative. Le motivazioni principali sono la scarsa remunerabilità, la non operatività ad oggi e la mancanza di una tariffa elettrica del conto energia termico. Al momento lo strumento esiste ma non è applicabile né preventivabili i benefici per chi installa tali tecnologie - conclude Bellò - La richiesta esplicita degli imprenditori è che i due sistemi di incentivazione coesistano almeno fino a quando non sarà attivo ed efficiente il conto energia termico perciò almeno fino al 31 dicembre 2013".

 

Iscriviti all'evento ANIMA dedicato a Sen e Conto termico

Edilizia, Industria, Coaer, 24giugno