Con Anasta la saldatura entra in ANIMA

La presentazione avverrà in occasione di Saldat Forum, l'evento italiano per il settore della saldatura in programma il 14 ottobre a Milano. Bonomi: "Insieme faremo un grande e proficuo lavoro per il bene delle aziende associate".

13 ott 2011

Come risultato di una collaborazione pluriennale nell'ambito della filiera della meccanica, il 1° gennaio 2012 Anasta (Associazione Nazionale Saldatura, Taglio e Tecniche Affini) entrerà a far pare di ANIMA, la Federazione delle Associazioni Nazionali dell'Industria Meccanica Varia e Affine di Confindustria. Come palcoscenico della prima uscita "comune" è stato scelto Saldat Forum, importante evento per il settore della saldatura in programma il 14 ottobre a Milano, che coinvolge trasversalmente moltissimi settori rappresentati  dalla Federazione.

"Anasta e Anima sono da sempre molto vicine e hanno collaborato in più occasioni - commenta Il Presidente di Anasta, Giuseppe Maccarini -. Dopo un periodo di riflessione,  in conseguenza dello sviluppo del mercato e delle legislazioni, il direttivo dell'associazione si è pronunciato per un'adesione diretta alla più vasta realtà che ANIMA rappresenta. Questo, pur sempre in un'ottica di continuità e di autonomia della nostra associazione nella propria attività nazionale ed europea, ma con uno spirito rinnovato di cooperazione in ambito federativo che possa tradursi in un reciproco vantaggio".

Per il Presidente di ANIMA, Sandro Bonomi: "La presenza di ANASTA contribuirà a potenziare ulteriormente i rapporti di collaborazione già in atto. Sono certo che faremo un grande e proficuo lavoro assieme per il bene delle aziende associate, dei settori in cui operiamo e della manifattura meccanica che rappresentiamo."

Nata nel 1973 dalla volontà di 11 aziende, Anasta conta oggi 50 imprese che svolgono attività di fabbricazione e commercializzazione di apparecchi, macchine, impianti e prodotti consumabili per tutti i procedimenti di saldatura e taglio dei metalli. Una base associativa che rappresenta oltre l'80% del mercato nazionale.
La produzione delle aziende operanti in Italia costituisce il 30% del mercato europeo del settore, mentre la quota delle esportazioni – diffuse in tutto il mondo - si attesta sul 60% del fatturato totale.  Nel corso degli ormai 40 anni di attività, l'associazione ha dato il suo contributo per far crescere la tecnologia della saldatura e del taglio, notevolmente evoluta con l'adozione dell'elettronica nella fabbricazione e controllo delle operazioni e con l'affinamento delle formule dei prodotti consumabili, rendendo la professione del "Saldatore" più sicura e tecnologica.

Industria varia, Industria, ANIMA, saldatura, Saldat Forum, Anasta