Confindustria cambia direttore

Marcella Panucci, prima donna alla direzione generale dell'associazione delle imprese, è stata scelta dal neopresidente Giorgio Squinzi. Lascia l'incarico di capo della Segreteria tecnica e consigliere economico del Guardasigilli Paola Severino.

05 lug 2012

Marcella Panucci, prima donna alla direzione generale dell'associazione delle imprese, è stata scelta dal neopresidente Giorgio Squinzi. Lascia l'incarico di capo della Segreteria tecnica e consigliere economico del Guardasigilli Paola Severino.

Marcella Panucci, che il 9 luglio prende il posto di Giampaolo Galli, nonostante la giovane età - classe 1971 -,  ha già maturato una significativa esperienza in Italia e all'estero, anche in ambito associativo, in materie legali e giuridiche, oltre che economiche. In linea con uno dei punti del programma di Giorgio Squinzi, in passato ha rappresentato Confindustria nelle Commissioni su semplificazione e riforma della Pubblica amministrazione.

Laureata in Giurisprudenza presso l'Università Luiss-Guido Carli, ha iniziato la sua carriera professionale come vice direttore dell'Osservatorio di proprietà intellettuale, concorrenza e telecomunicazioni del Ceradi, prima di entrare in Confindustria, dove nel 2001 è stata promossa dirigente nell'Area Finanza e Diritto d'Impresa.
Dopo aver maturato un'esperienza alla Commissione europea, nel 1998, come rappresentante di Confindustria presso la Direzione generale Concorrenza, Manuela Panucci ha assunto la guida, tra il 2005 e il 2008, del Nucleo affari legali, finanza e diritto d'impresa dell'associazione. Un anno più tardi ha assunto la funzione di Direttore Area affari legislativi. Nel dicembre dello scorso anno è stata chiamata dall'attuale Ministro della Giustizia, Paola Severino, per coordinare la segreteria e fungere da consulente finanziario.

Dopo la laurea in legge, nel 2004 Panucci ha conseguito un Dottorato di Ricerca in "Disciplina libertà della concorrenza" con una tesi su: "I controlli sui comportamenti paralleli (collusivi e no) nei mercati oligopolistici".

Il Presidente Squinzi e il Consiglio Direttivo di Confindustria hanno ringraziato Giampaolo Galli per il lavoro svolto in questi anni durante i quali "ha contribuito a mantenere elevata l'autorevolezza dell'associazione in una situazione tra le più difficili di questo dopoguerra".

Energia, Edilizia, Alimentare, Movimentazione e logistica, Sicurezza e ambiente, Industria varia, Poltrone, Confindustria, Marcella Panucci