Efficienza energetica e riduzione delle emissioni: un network tra imprese

L'iniziativa di Enea

17 mar 2016

l.a.

La Cop 21 ha preso atto che i cambiamenti climatici sono una minaccia urgente. «Oggi si è raggiunta una maggiore consapevolezza. Sono stati dati alcuni suggerimenti di risoluzione tra cui mettere in contatto i  Paesi già industrializzati e quelli in via di sviluppo» spiega  Ivano Olivetti, ricercatore tecnologo del Dipartimento Sostenibilità dei Sistemi Produttivi e Territoriali di Enea,l'agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile.

A partire da questa presa di posizione storica, il Ministero dell'Ambiente ha incaricato l'Enea di realizzare un network tra le imprese italiane e i Paesi con cui si stanno già iniziando a firmare i Memorandum of understanding. «Si tratta di uno scambio tecnologico grazie al quale le imprese italiane offrono soluzioni per incrementare l'efficienza energetica e la riduzione delle emissioni» continua Olivetti.

Hanno già firmato Paesi come Cina, Caraibi, Egitto, Iran, Maldive, Qatar, Unione delle Comore e altri. «Il lancio ufficiale avverrà verso fine maggio a Roma in sede Enea ma, in forza dell'accordo con ANIMA, Enea  lo annuncia già da ora. L'iniziativa ancora non ha nome ma è già in azione. Stiamo cercando di creare il network investendo sulle migliori tecnologie, le più efficienti che possono considerarsi delle best practices. Come quelle italiane».

Attraverso il portale si misurerà la sensibilità delle imprese e quali imprese vogliono lavorare con quale estero e con quale tecnologie dal trattamento dell'acqua, dei rifiuti e tutto ciò che è considerato efficientamento sia energetico sia come medicazione degli effetti quindi come riqualificazione.

Energia, Ambiente & Sicurezza, animalounge, mce2016, %23pertuttelestagioni