Immergas guarda all'estero

Il vice presidente della società Alfredo Amadei conferma i piani di internazionalizzazione: Est Europa e Asia "mercati molto interessanti".

01 ott 2012

L'ambasciatore italiano a Bratislava Roberto Martini e il presidente della Camera di Commercio Italo Slovacca Alberto Gerotto hanno visitato nei giorni scorsi lo stabilimento Immergas Europe di Poprad, in Slovacchia, occasione per fare il punto sui progetti di internazionalizzazione del gruppo.

"L'esperienza di Immergas e di altre imprese italiane che hanno scelto la Slovacchia per avviare nuovi poli produttivi ha creato occupazione qualificata e una rete di fornitori importante - ha dichiarato Martini durante la visita ai reparti di produzione -. E' un segnale del buon Made in Italy che può crescere nel mondo".

Lo stabilimento Immergas Europe, in funzione dal 2008, occupa circa 120 addetti su tre linee produttive per una capacità di oltre 500 caldaie al giorno.  "Nuovi prodotti e nuove linee produttive – ha spiegato il vice presidente di Immergas Alfredo Amadei - sono la linea di crescita che abbiamo di fronte. Abbiamo triplicato l'occupazione in quattro anni e tutti gli indicatori gestionali lasciano ben sperare nonostante lo scenario non facile che l'economia mondiale sta vivendo".

La produttività dello stabilimento slovacco è elevata: 75mila caldaie nel 2009 che sono salite a 120mila nel 2011, con una previsione di 130.000 unità quest'anno. Contestualmente, il fatturato Immergas Europe è passato da 6 milioni di euro nel 2008, anno di avvio della produzione a Poprad, a 29 milioni nel 2011, mentre la proiezione 2012 porta le vendite a oltre 30 milioni.

Il piano di sviluppo su scala internazionale lanciato nel 2006 dalla Immerfin per dare una dimensione produttiva internazionale alla Immergas di Brescello ha raggiunto i suoi obiettivi: sono state infatti aperte nuove opportunità su mercati confinanti in via di ulteriore crescita (Romania, Ucraina, Ungheria, Polonia ma anche su quelli più lontani come Iran, Russia e Cina) grazie a linee di prodotto progettate e realizzate sulla base delle esigenze specifiche di quei Paesi.

Ora il gruppo guarda al futuro, al 2014, quando le sfide per il risparmio energetico e la sostenibilità diventeranno il vero fattore per competere rispettando le nuove normative europee in tema di climatizzazione domestica.

Edilizia, Industria, Immergas