Importanti novità in Dogana

Importanti novità dal 12 febbraio, si invertono le parti: stop alle dichiarazioni di intento in Dogana.

22 gen 2015

Importanti novità dal 12 febbraio, si invertono le parti: stop alle dichiarazioni di intento in Dogana.

In sintesi non saranno più i fornitori degli esportatori abituali a dover comunicare al Fisco i dati delle lettere d'intento ricevute, ma dovranno essere gli stessi esportatori ad inviare le dichiarazioni d'intento, utilizzando il nuovo modello con trasmissione telematica all'Agenzia delle Entrate.

L'art. 20 del recente Decreto "semplificazioni fiscali" trasferisce all'esportatore stesso l'obbligo di trasmettere telematicamente le lettere d'intento all'Amministrazione finanziaria.

Il Decreto "semplificazioni fiscali" (D.Lgs. n. 175/2014, entrato in vigore lo scorso 13.12.2014) ha modificato, come noto, le modalità di comunicazione dei dati contenuti nelle dichiarazioni di intento e gli adempimenti cui sono tenuti gli esportatori abituali al fine di effettuare cessioni in regime di non imponibilità IVA di cui all'art. 8, c. 1, lett. c), del DPR n. 633/1972.

In particolare, l'articolo 20 del Decreto è intervenuto modificando la procedura attraverso cui l'esportatore abituale può beneficiare dell'acquisto di beni e servizi in regime di non imponibilità IVA, trasferendo in capo all'esportatore stesso l'obbligo di trasmettere telematicamente all'Amministrazione finanziaria le lettere d'intento. Tale obbligo era assolto fin qui dai relativi fornitori con la consegna delle lettere di intento direttamente in Dogana.

Easyfrontier nell'ambito del Progetto Anima "Dogana Facile" e attraverso i propri professionisti abilitati  potrà fornire agli operatori interessati il servizio di predisposizione, trasmissione telematica e gestione delle dichiarazioni di intento.

Industria varia, Economia, Dogana Facile