L'edilizia punta sull'efficienza

Il settore delle tecnologie per l'edilizia - valvole, rubinetti, trattamento acque e impianti di climatizzazione - mantiene il timone sulla crescita, confermando la tenuta dei settori più legati all'efficienza energetica. Aspettando il Conto Energia Termico...

14 dic 2011

Redazione economia

"La proroga di un anno dell'incentivo del 55% per l'introduzione delle tecnologie rinnovabili termiche e ad alta efficienza energetica ci sembra una misura ragionevole, in attesa di studiare un sistema di incentivazione più snello, semplice ed efficace, come potrebbe essere il caso del Conto Energia Termico". Con queste parole, il Presidente di ANIMA Sandro Bonomi ha accolto la decisione del Governo Monti di confermare anche per il prossimo anno gli incentivi per l'efficienza energetica.  Parole pronunciate nel corso della conferenza stampa per la presentazione dei preconsuntivi dei diversi settori che compongono la federazione, tra i quali spiccano le tecnologie per l'edilizia: climatizzazione, trattamento delle acque, serramenti e rubinetti.

Secondo i dati elaborati dal Centro Studi ANIMA, la produzione del macro comparto ha registrato quest'anno un incoraggiante segno positivo (+3,4%) a 11,1 miliardi di euro, situazione attesa in ulteriore miglioramento nel 2012 (+0,9%). Il positivo andamento della produzione è dovuto in particolare agli ordini esteri: le esportazioni, aumentate nel 2011 del +4,9% a poco più di 7 miliardi di euro, si prevede continuino la loro corsa anche nel 2012 (+1,9%). L'occupazione, a causa dell'instabilità finanziaria, ha subito una flessione nel 2011 (-1,4%), ma dovrebbe leggermente crescere o stabilizzarsi (+0,1%) nel corso del prossimo anno.

"ANIMA e le sue associazioni avanzano la proposta di ridurre le spese migliorando i parchi edilizi chiamando in soccorso, primi fra tutti, i nostri prodotti italiani - ha dichiarato Bonomi -. Penso a valvole e rubinetti, serramenti, tecnologie idriche, strumenti quotidiani per il cittadino e per l'industria".  Per il Presidente ANIMA, occorre ridurre urgentemente il costo dell'energia per creare opportunità di sviluppo. "Chiediamo con forza un quadro normativo stabile e di lungo termine per poter realizzare piani di sviluppo industriale di medio-lungo periodo - ha aggiunto -. Il meccanismo di incentivazione del 55%, ora ripristinato per un anno, ci mette nelle condizioni di poter lavorare con il nuovo Governo per un meccanismo di incentivazione stabile ed ancora più efficace in grado di favorire le rinnovabili, soprattutto termiche e le tecnologie per l'efficienza energetica più performanti".

Fonte: ANIMAFonte: ANIMA

SETTORE PER SETTORE

Apparecchi e componenti per impianti termici  (Assotermica). Positivi, secondo il pre-consuntivo 2011, i principali indicatori relativi a produzione (+2,8% a 2,18 miliardi di euro) ed export  (+3,1% a 1,2 miliardi), con previsioni stabili per il prossimo anno. I livelli occupazionali, in calo nel 2011 (-2,4%), dovrebbero stabilizzarsi nel 2012.

Apparecchiature aerauliche (Co.Aer). La produzione, in netta crescita nel 2011 (+8,5%, per complessivi 1,85 miliardi di euro), dovrebbe aumentare anche nel 2012 (+2,3%). In forte espansione l'export sia nel 2011 (+11,9%) che nelle previsioni per il prossimo anno (+3,7%), mentre i livelli occupazionali si mantengono costanti.

Valvole e Rubinetteria (Avr): produzione positiva nel 2011 (+3,5% a 3,9 miliardi di euro), costante (+0,5%) nelle stime 2012. Le esportazioni mostrano un deciso rialzo quest'anno (+5,8%) che rallenterà nel 2012, pur restando in campo positivo (+0,6%). Considerando le singole produzioni, risultano positive, grazie a un buon andamento dell'export con punte accentuate per le valvole in bronzo e ottone (+9,5%) e per il settore civile (+7,1%), mentre le vendite Italia, pressoché costanti per tutti i mercati, sono addirittura in lieve calo per il settore industriale (-0,8%). L'occupazione in generale costante, oscilla tra un leggero calo per la rubinetteria sanitaria (-0,2), e un aumento per il valvolame bronzo e ottone.

Impianti e apparecchiature per acque primarie civili e industriali (AquaItalia). Il comparto mostra segnali di difficoltà: in contrazione le acque civili, sia nel pre-consuntivo 2011 (-5%) che nelle previsioni 2012 (-3,5%), con esportazioni e occupazione su livelli costanti. Per le acque industriali, si rileva una produzione stabile quest'anno, in calo nelle stime 2012 (-3,1%). Le esportazioni sono in lieve ripresa quest'anno (+1,4%) e si stabilizzeranno nel 2012. Sono rimasti immutati, nel corso degli ultimi dodici mesi, occupazione e investimenti in entrambi i comparti: l'occupazione dovrebbe risultare ancora stabile nel 2012, mentre per gli investimenti si prevede un calo del -2,4%.

Macchine edili, stradali, minerarie ed affini (Ucomesa). In crescita la produzione sia quest'anno (+2,1%) che il prossimo (+1%), con buoni risultati anche sul fronte delle vendite all'estero, in aumento del +3% nel 2011 e del +3,2% nei prossimi dodici mesi. In forte calo, invece, l'occupazione (-6,3%), situazione che nel 2012 non migliorerà a causa della crisi edile.

Infissi motorizzati e automatismi per serramenti (Unac). Il settore mostra un trend in aumento a livello produttivo: alla crescita del +1,6% registrata quest'anno, dovrebbe seguire un +3,3% nel 2012. Positivo anche l'andamento delle esportazioni sia nel 2011 (+1,1%) che nel 2012 (+6,5%). Occupazione stabile.

Grigliati in acciaio (Assogrigliati). Il settore dovrebbe chiudere l'anno in crescita per quanto concerne la produzione (+2,1%), mentre l'export è fermo sui livelli del 2010. Il prossimo anno le esportazioni dovrebbero mettere a segno un ulteriore +2% nella produzione, con una netta ripresa dell'export (+13,3%). L'occupazione, stabile nel 2011, l'anno prossimo mostrerà un calo (-1,4%).

Edilizia, Economia, ANIMA; preconsuntivi 2011