Minerva Omega Group premiata per L'Internet of Things

L'azienda riceve il premio innovazione Smau 2016

07 giu 2016

Sarà tra le aziende premiate con il riconoscimento "premio innovazione SMAU R2B" di Bologna, il 9 e 10 giugno. Si tratta di Minerva Omega Group, realtà bolognese che nel 2015 ha festeggiato il settantesimo anno di attività. Il riconoscimento, dedicato a realtà di diversi comparti produttivi, arriva all'azienda per l'IOT (Internet of Things) applicato alle macchine per il settore alimentare.

Come? Attraverso la creazione di uno spin-off  specifico. Nel 2013 è nata la  DSC Nexus che in poco tempo e con una filiera tutta italiana ha creato NEMOSY, una piattaforma su Cloud "Azure" della Microsoft che consente un dialogo bidirezionale con l'uomo e le attrezzature attraverso l'invio di dati, rapporti tecnici, informazioni, indicazioni, istruzioni, etc. NEMOSY raccoglie i dati utili alla gestione di un intero parco macchine utilizzato nei vari centri o laboratori e li rende leggibili, fruibili e consultabili all'operatore stesso, ai responsabili della sicurezza o della manutenzione negli uffici centrali attraverso tabelle, diagrammi elenchi testuali.Lo scambio delle informazioni tra macchina operatrice e uomo avviene attraverso connessioni sicure e interfacce progettate per consentire questa interazione. 

In sintesi, le macchine Minerva Omega, così come tutte le altre esistenti all'interno di un punto vendita o di un impianto, comunicano il loro stato su server, e i dati sono consultabili su qualsiasi strumento (PC, Tablet) con la creazione di alert via mail e SMS, per un'efficace gestione della manutenzione predittiva, prevenendo ed anticipando i guasti prima che avvengano o suggerendo la sostituzione di particolari usurati prima che compromettano la funzionalità della macchina.

Alimentare, Ricerca & Sviluppo, Minerva