Necessario new deal per l'industria

Confindustria: "Le forze politiche hanno dimostrato grande attenzione alle nostre proposte, la crisi non permette di abbassare la guardia. Politica industriale e manifatturiero devono tornare centrali. La questione del lavoro deve essere il primo punto dell'agenda del nuovo Governo. Solo buone imprese e buona politica industriale possono aumentare l'occupazione e accrescere il reddito delle famiglie. 

19 feb 2013

Confindustria: "Le forze politiche hanno dimostrato grande attenzione alle nostre proposte, la crisi non permette di abbassare la guardia. Politica industriale e manifatturiero devono tornare centrali. La questione del lavoro deve essere il primo punto dell'agenda del nuovo Governo. Solo buone imprese e buona politica industriale possono aumentare l'occupazione e accrescere il reddito delle famiglie. 

Le forze politiche hanno dimostrato grande attenzione alle nostre proposte e hanno condiviso la consapevolezza che la crisi è ancora ben presente, aggressiva e non si può assolutamente abbassare la guardia. Questo il commento di Confindustria dopo i recenti giorni di incontri con le forze politiche a pochi giorni dalle elezioni. È positivo che tutti abbiano riconosciuto la necessità che politica industriale e manifatturiero tornino centrali. Senza industria, non c'è futuro. Tutti ritengono come centrale e prioritaria la questione del lavoro, grande emergenza del Paese. Il lavoro deve essere il primo punto dell'agenda del nuovo Governo. Solo buone imprese e buona politica industriale possono aumentare l'occupazione e accrescere il reddito delle famiglie. 

Ora è fondamentale che, con la fine della campagna elettorale, si abbandoni il tempo delle parole, degli annunci, dello scontro fine a se stesso e inizi il tempo dei fatti.

Il nuovo Governo deve darci una visione lunga di futuro, un'idea di Paese per la quale valga la pena anche di sostenere i sacrifici necessari.

L'Italia ha bisogno assoluto di verità, di parlare il linguaggio della condivisione, e di un Governo che sia in grado di compiere scelte concrete ed efficaci. La classe politica deve riconquistare con i fatti e la moralità la fiducia dei cittadini.

I mesi che ci aspettano saranno cruciali e decideranno il nostro destino. È il momento di un "new deal" tra le forze positive del Paese, un concorso di intenti realistici e coraggiosi che rendano più autorevole e credibile la nostra voce anche in Europa. Confindustria è pronta ad assumersi le proprie responsabilità, a sostenere senza preconcetti le scelte da fare in nome dell'interesse generale, ma vigilerà e criticherà, anche aspramente, chiunque disattenda gli impegni. Non permetteremo a nessuno di condannare il Paese al declino.

Politica, Confindustria