Finanziare i propri investimenti

Articolo pubblicato su L'Industria Meccanica n. 706

13 gen 2017

Alessandro Decio, amministratore delegato e direttore generale di Sace

Articolo pubblicato su L'Industria Meccanica n. 706


Gli investimenti delle imprese sono tra i più chiari indicatori della salute di un'economia e della fiducia degli operatori, nonché il principale e migliore fattore di crescita. Dare loro un nuovo slancio è il presupposto per consentire alle imprese di restare su un cammino di crescita e presidiare adeguatamente i mercati esteri da cui provengono oggi le migliori opportunità di crescita.

Sace e Simest: 63 miliardi di euro per export e internazionalizzazione

Negli anni, Sace e Simest si sono dimostrate partner cruciali per le imprese, con ruoli sinergici e complementari, accompagnando, per le loro aree di competenza, le aziende italiane nel mondo. Con la recente integrazione tra Simest e Sace, si concretizza il "Polo italiano per l'export e l'internazionalizzazione": grazie all'integrazione e ottimizzazione dei punti di contatto tra le diverse società che rientrano nel perimetro di Sace, le imprese hanno ora un unico punto di accesso all'offerta del gruppo Cassa depositi e prestiti dedicata all'export e all'internazionalizzazione. Un supporto che potrà dispiegare il suo massimo potenziale nei prossimi quattro anni, in base alle indicazioni del Piano industriale del gruppo, a cui, attraverso il Polo unico, saranno destinati 63 miliardi di euro per supportare le attività di export e internazionalizzazione. Le imprese italiane possono contare su una gamma completa di prodotti.

Sace: garanzie finanziarie per favorire anche le Pmi
Sace negli anni ha ampliato le soluzioni assicurativo-finanziarie offerte, passando dal classico export credit a strumenti finanziari più evoluti sia per sostenere l'erogazione di finanziamenti bancari sia per favorire l'accesso a strumenti alternativi al canale creditizio. Le garanzie finanziarie di Sace migliorano l'accesso al credito delle imprese, anche delle Pmi, intervenendo a garanzia dei finanziamenti a sostegno di capitale circolante o destinati a un ampio spettro di attività connesse all'internazionalizzazione: da investimenti diretti all'estero, come acquisizioni, fusioni o joint venture, a investimenti in Italia in ricerca e sviluppo, da spese per acquisto o rinnovo di macchinari e impianti, ad attività di comunicazione e marketing. La capacità d'intervento di Sace è ampliata da numerosi accordi e convenzioni con istituti di credito nazionali e locali, e con istituzioni finanziarie europee. Nell'ultimo anno è stato inoltre lanciato il programma "2i per l'Impresa - Innovazione&Internazionalizzazione" in collaborazione con Fondo europeo degli investimenti (Fei) e Cassa depositi e prestiti, che permette alle Pmi di accedere alle risorse messe a disposizione dal Piano Juncker per investimenti in internazionalizzazione e ricerca e sviluppo. Negli anni Sace ha lanciato numerose iniziative per permettere alle imprese di accedere a fonti diverse di finanziamento, tra queste il Fondo Sviluppo Export, il fondo con garanzia Sace consente alle imprese di emettere obbligazioni per ottenere risorse per i propri progetti di crescita all'estero.

Le soluzioni di Simest  per l'internazionalizzazione
Vanno in questa direzione anche gli strumenti di Simest, specializzata nel sostegno agli investimenti esteri. Le soluzioni proposte da Simest comprendono finanziamenti a tasso agevolato a sostegno dell'internazionalizzazione, che possono avere diverse destinazioni d'uso come spese per studi di fattibilità, programmi di inserimento, partecipazione a fiere e mostre, contributi agli interessi a supporto dell'export, che consentono all'impresa italiana di accordare al cliente estero dilazioni di pagamento più competitive, fino alla partecipazione diretta al capitale delle imprese, attraverso una quota di minoranza.

Leggi anche: Cambia il commercio globale

Energia, Edilizia, Alimentare, Movimentazione e logistica, Sicurezza e ambiente, Industria varia, Industria, export2017, Sace